Tecnica di autoassicurazione in arrampicata

download.jpg

La tecnica di autoassicurazione in arrampicata è da sempre un argomento misterioso.
Non viene insegnato nei corsi e si tramanda praticamente oralmente fra scalatori. E’ uno degli argomenti che più hanno appassionato i lettori dei forum, insieme ad un altro “evergreen” come “spit si o no?”

Roberto Iannilli, semplicemente Roberto nei forum, era un grandissimo cultore dell’arrampicata in solitaria autoassicurato (da non confondere con le solitarie slegati, le cosiddette “free solo”): con questa tecnica ha fatto importanti prime ripetizioni e incredibili aperture di vie nuove. Quindi ha ragione ha deciso a un certo punto di scrivere un piccolo manuale su questa tecnica che aveva poi pubblicato in riposta a un’ennesima domanda sul forum di Planet Mountain.

Mi sono imbattuto poco tempo fa in questo vecchio topic e ho deciso di pubblicare quì il suo piccolo manuale, sia per renderlo più visibile e citabile (con un link diretto), sia come omaggio a questo piccolo grande uomo che ci manca sempre di più.

Tecnica di autoassicurazione in arrampicata

di Roberto Iannilli

Tempo fa scrissi una specie di manuale sull’arrampicata in solitaria: è frutto della mia esperienza e i sistemi utilizzati sono del tutto soggettivi.
I sistemi per andare in solitaria sono vari ed ogni solitario è convinto che il suo sia quello migliore, quindi prendere le indicazioni che seguono come uno spunto, poi fate come vi pare. Solo una cosa, non dite che è colpa mia se poi vi fate male, andare in arrampicata solitaria è più pericoloso che andare in cordata.
E comunque, io non sono affatto convinto che il mio metodo (che poi non è il mio personale ma è usato da molti) sia il migliore, è soltanto il metodo che con gli anni, solitaria dopo solitaria, ho aggiornato e con il quale mi sono trovato bene.

Avvertenze iniziali

  • Si raccomanda di non arrampicare da soli, la scalata in cordata resta la migliore soluzione.
  • L’arrampicata è un’attività pericolosa per natura, voi siete responsabili delle vostre azioni e decisioni.
  • La pratica dell’arrampicata in solitaria autoassicurata è riservata a utilizzatori esperti.
  • In arrampicata solitaria, in caso d’incidente con conseguente perdita di coscienza, il soccorso sarà difficile.
  • Indossare sempre il casco.
  • Non arrampicare in solitaria senza aver avvertito qualcuno della vostra destinazione e del vostro probabile orario di ritorno.
  • Nessuna soluzione è universale, dovrete essere in grado di adattare le nostre proposte tecniche alle difficoltà del terreno scelto.
  • La corretta comprensione delle soluzioni proposte richiede di aver consultato, compreso e assimilato le note informative di tutti gli attrezzi consigliati.
  • Gli attrezzi consigliati sono testati e omologati per un uso diverso da quello spiegato in questo manuale, le modifiche illustrate non sono ammesse e possono procurare inconvenienti anche gravi. Come le stesse case costruttrici, anche noi decliniamo ogni responsabilità per incidenti causati da un uso di questi attrezzi improprio.

La progressione in solitaria nell’ arrampicata artificiale

Chi ha esperimentato la scalata in solitaria conosce l’intensità delle emozioni che questo autarchico modo di arrampicare può trasmettere. Il tempo, la fatica, la concentrazione, tutto appare diverso e sembra davvero di entrare in un’altra dimensione. Se a queste impressioni ci uniamo la precarietà e la sensazione di aleatorio tipica dell’ artificiale moderno, il risultato sarà un ingaggio che vi farà sperimentare percezioni analoghe ad un viaggio psichedelico. Infatti non è rado incontrare alpinisti ormai perduti nel tunnel della dipendenza da tale sconveniente passione autolesionista.
Per salire una via di artificiale moderno in solitaria, occorrono consolidate capacità tecniche, una fortissima motivazione, un pizzico di follia e un notevole allenamento alla fatica (oltre al su detto autolesionismo). In generale possiamo dire che il connubio tra artificiale e solitaria è probabilmente il modo più faticoso e pericoloso di scalare una parete.
Rispetto alla solitaria assicurata su itinerari che si scalano in libera (o con tratti di artificiale classica), la solitaria in artificiale moderno praticamente mantiene gli stessi metodi di autoassicurazione.

I freni automatici autobloccanti.

Cominciamo con l’attrezzo fondamentale per la progressione in solitaria, il freno automatico autobloccante (o semplicemente freno autobloccante).
Anche se esistono attrezzi specifici come il SilentPartner o il Soloist, la quasi impossibilità di trovarli in commercio e l’ingombro, fanno si che oggi si preferisca l’utilizzo di freni autobloccanti derivati dall’ uso nel free-climbing, ovvero il GriGri modificato o il Cinch.
Nonostante questi ultimi siamo impiegati abbastanza comunemente nella solitaria assicurata, le case costruttrici considerano tale uso improprio e quindi declinano ogni responsabilità. Infatti, oltre a non essere omologati per la scalata solitaria, sia l’uno che l’altro hanno varie controindicazioni e, a dispetto di tutte le cautele possibili, resta un margine di rischio non calcolabile. Ma lo sappiamo tutti, l’alpinismo porta con se sempre un elemento di incognita, l’arrampicata artificiale ne aggiunge una quota e, infine, la solitaria completa l’avventura. Sta allo scalatore scegliere se rischiare o vivere sereno il proprio alpinismo ragionevole. Quindi cautela e pensateci cento volte prima di avventurarvi in scalate del genere, come scritto in precedenza, per l’arrampicata solitaria servono una fortissima motivazione e un pizzico di follia e non sta a noi incentivare la follia.

Ma torniamo a considerazioni puramente tecniche e meno filosofiche, e analizziamo i due attrezzi più utilizzati attualmente.
Il GriGri è il freno autobloccante più usato nell’ arrampicata solitaria dall’ inizio del nuovo millennio. La scoperta delle sue possibilità, alternative a quelle usuali, ha portato molti scalatori solitari ad alzare le pretese e osare di più. La differenza sostanziale tra il metodo tradizionale e l’utilizzo del GriGri (e in seguito del Cinch) è nello scorrimento della corda.
Con i vecchi sistemi, ovvero i nodi autobloccanti tipo prusik e marchand, c’era la complicazione di essere obbligati a darsi corda prima di affrontare un passaggio di arrampicata. Ciò comportava un lasco, vale a dire la corda lenta e abbondante: l’effetto più deterrente immaginabile per lo scalatore. Oltre a questo, il dover utilizzare ambedue le mani onde permettere al nodo autobloccante di scorrere lungo la corda, rendeva impossibile affrontare una serie di passaggi sostenuti senza trovare un ancoraggio a cui appendersi per effettuare la manovra. Sorreggersi ad un appiglio con una mano e tentare con l’altra di far scorrere il nodo lungo la corda è praticamente impossibile.
Purtroppo i progettisti della Petzl, casa costruttrice del GriGri, non potevano immaginare che la loro creazione avrebbe avuto un utilizzo così particolare e l’ attrezzo, per poter essere davvero funzionale, occorre di due sostanziali modifiche. Queste producono una manomissione che può, in casi eccezionali, diventare un pericolo serio.
La prima modifica è indispensabile per permettere alla corda di scorrere agevolmente. Consiste nella totale eliminazione dell’aletta triangolare che chiude il lato dove la corda entra, proprio a sinistra dell’ icona raffigurante l’ omino che scala. In caso di volo, tale aletta ha la funzione di impedire alla corda di finire sotto la leva nera, collegata alla camma di bloccaggio della corda da un supporto in acciaio di spessore relativamente sottile. La recondita conseguenza della modifica è quindi che, nella dinamica spesso convulsa di una caduta, il supporto possa ghigliottinare la corda malauguratamente finitaci sotto. Non siamo a conoscenza di incidenti dovuti a questo problema, ma la possibilità, se pur remota, c’ è.
Gli scalatori più prudenti hanno ovviato eliminando solo in parte questa aletta, ma lo scorrimento migliora solo parzialmente creando altri problemi, come il restare bloccati a metà di un passaggio difficile, magari con la protezione lontana.
La seconda modifica da effettuare, questa senza controindicazioni, è forare il risvolto che agevola il passaggio della corda in uscita, proprio sopra l’ icona della manina che tiene la corda. Il forellino occorre per far passare un cordino di pochi millimetri di spessore, da collegare ad un’imbragatura leggera alta, o pettorale. Questo accorgimento è indispensabile per tenere in posizione il GriGri, che altrimenti penzolerebbe inutile all’ imbrago.
Qualche scalatore preferisce non forare il risvolto ma il lato opposto, proprio sotto la punta della leva nera. La particolare posizione dell’intervento costringe però a limitare al massimo il diametro del foro, rendendolo appena sufficiente per introdurre un cordino sottile, meglio se metallico. Anche se in pratica non si intacca un punto strutturale del GriGri, occorre comunque bucare il metallo proprio accanto alla cerniera della camma. Se da un lato, questa variante alla seconda modifica agevola il posizionamento dell’attrezzo all’ imbrago, dall’ altro e sostanzialmente più invasiva.

Sia la modifica per far scorrere la corda che quella per tenere in posizione l’ attrezzo sono state superate con l’ utilizza del Cinch.
Rispetto al GriGri, questo freno bloccante automatico ha delle dimensioni più compatte, un peso ridotto, la cerniera della camma con un foro che sembra fatto apposta per mantenerlo nella posizione corretta e non esiste il rischio ghigliottina.
Anche il Cinch ha però le sue controindicazioni. La principale è la difficoltà nello sbloccaggio della camma che frena la corda dopo essere rimasti appesi.
Mentre con il GriGri, quando ci si ferma per un riposo (resting) e si riprende l’ arrampicata, generalmente l’ attrezzo scorre, con il Cinch capita spesso di non riuscire a ripartire se non dopo aver sbloccato la corda con la leva nera. Oltre a questo c’è il problema dell’ usura del piccolo cilindro di acciaio posizionato all’ uscita della corda, dove è l’ icona della manina che tiene la corda.
Questo piccolo cilindro è posizionato per migliorare la resistenza all’ usura da sfregamento della corda, è sufficiente però una corrosione appena percettibile e l’ efficienza del freno diminuisce. Nel free-climbing è un problema limitato ad un aumento di dinamicità, mentre nell’ arrampicata solitaria produce lo sgradevole effetto di non arrestare completamente lo scorrimento e dopo un volo o un resting, si continua inesorabilmente a scendere verso la fine della corda (a meno di non aggrapparsi a qualche ancoraggio o fare un prusik al volo.

Ci sono altre due controindicazioni, queste comuni ai due attrezzi.
La prima è che hanno bisogno di una strappo deciso per bloccare e quindi scivolare su una placca appoggiata potrebbe non essere sufficiente per fermare il volo. La seconda è l’eventualità, per fortuna inconsueta, che durante il volo la leva nera resti aperta a causa di urti involontari. E’ per ciò importantissimo controllare l’attrezzo per verificare che sia posizionato nel giusto verso, ovvero con la leva nera rivolta verso lo scalatore e senza fettucce o cordini che gli passino vicini abbastanza da rischiare di agganciarla.
Ambedue gli attrezzi vanno collegati all’ imbragatura con un moschettone a ghiera, meglio se simmetrico. Per far si che questi siano sistemati nel modo corretto, e relativamente al riparo da pericolosi agganci, il moschettone a ghiera non dovrà essere agganciato all’ anello di servizio ma direttamente nell’ alloggiamento dove ci si lega alla corda.
Gli attrezzi vanno tenuti in posizione collegandoli con una fettuccia regolabile ad un pettorale (va bene anche una fettuccia incrociata intorno alle spalle). Per Il GriGri tramite il cordino passato nel foro di una delle due modifiche, mentre per il Cinch direttamente nel foro centrale costituito dalla cerniera. La fettuccia deve essere regolabile per permettere di tirare il giusto gli attrezzi, in modo che non abbiano gioco e rimangano stabili durante l’uso.

Il t-block

Una difficoltà da superare per avere un freno autobloccante ben scorrevole, è il peso della corda in uscita dall’ attrezzo. A proposito di ciò, una scuola di pensiero consiglia di portare con se la corda sistemata in uno zaino, ma il peso aggiuntivo fa si che questo metodo sia utilizzabile soltanto per scalate facili, meglio se necessitano di poco materiale per proteggersi (vie attrezzate). Per le nostre esigenze è preferibile alleggerire il peso della corda in uscita dal GriGri/Cinch appendendone un anello di circa 15/20 metri all’ imbragatura. Per tenere in posizione questo anello, e per poter recuperare corda con una sola mano, è molto utile il t-block.
Il t-blok è una minuscola maniglia per la risalita di emergenza sulla corda, ha in vantaggio di non pesare quasi nulla e di permettere allo scalatore solitario di recuperare relativamente con facilità la corda.
Il t-block va agganciato ad un moschettone senza ghiera in uno dei portamateriale dell’ imbragatura. In genere su quello posteriore destro, in modo da recuperare corda con la mano destra (se non si è mancini, ovvio).
Questo sistema permette al freno autobloccante di scorrere senza intoppi ma bisogna fare attenzione a non restare con l’ anello di corda ormai strozzato nel bel mezzo di un passaggio, magari difficile.

Le fasi della progressione in solitaria assicurata

  1. Attrezzare un punto di sosta con gli ancoraggi predisposti alla tenuta anche verso l’alto (la sosta si può ribaltare in assenza di un compagno appeso o di un contrappeso consistente). Autoassicurarsi alla sosta

  2. Appendere il sacco da recupero in modo da utilizzarlo come contrappeso. Nell’ eventualità di assenza del sacco, o di un peso trascurabile di questo ultimo, adoperare un dissipatore a frizione.

  3. Servirsi un moschettone a ghiera per legare la corda con un nodo delle guide con frizione alla sosta. E, visto che non si sa mai, fare anche un contro nodo.

  4. Fissare la corda di servizio (a cui andrà agganciato il saccone da recupero) all’ imbragatura.

  5. Sistemare con cura le corde (quella per la sicurezza e quella di servizio) alla sosta, facendo attenzione che siano messe nel verso con cui saranno sollevate mentre si sale. Se c’ è posto in piano, ad esempio su un terrazzino o una cengia, sistemarle a terra, facendo attenzione che non si incaglino con qualche roccia o con lo zaino. In assenza di uno spazio adatto sistemarle in due sacche con l’apertura ampia (tipo quelle in tela dei supermercati), facendo sempre attenzione al verso e all’ assenza di ostacoli che possano impigliarle. Nel caso di assenza del saccone da recupero e della relativa corda di servizio, è possibile ordinare la corda in anelli lunghi circa 5 metri a cavallo dello zaino (appeso alla sosta come contrappeso).

  6. Posizionare il freno autobloccante (GriGri o Cinch) all’ imbragatura e metterlo nella posizione corretta utilizzando una imbragatura alta o pettorale (punto A). Inserirci la corda in modo che il capo legato alla sosta passi nell’ ingresso caratterizzato dall’ icona dell’omino che arrampica. Allungare l’autosicura al punto di sosta in modo da poter provare il GriGri/Cinch, verificando che sia perfettamente montato e funzionante.

  7. Utilizzando il capo della corda che esce dal freno autobloccante, fare un anello di circa 15/20 metri e inserirlo in un t-block, agganciato all’ imbrago in un posto comodo da raggiungere. Provare se il verso di scorrimento della corda nel t-block sia quello giusto (punto B).

  8. Sistemare tutto il materiale necessario alla scalata sull’ imbragatura, indossare il casco e le scarpette di arrampicata (se c’è della scalata in libera), agganciare all’ imbragatura la corda di servizio alla quale è legato il saccone da recupero, togliere l’autosicura e iniziare la salita.

  9. Mentre si arrampica fare attenzione che tutto funzioni alla perfezione. Verificare che la corda scorra bene nel freno autobloccante e non si aggrovigli al punto di sosta sottostante. Controllare che l’ anello di alleggerimento passato nel t-block non si esaurisca o che tenda ad incastrarsi su qualche asperità rovescia della roccia.

  10. Quando si inizia ad essere alti, verificare che la corda non abbia superato il punto di equilibrio tra il tratto che sale dalla sosta e quello che esce dal freno autobloccante e torna verso il basso, ancora non utilizzato. In genere si sente una particolare leggerezza nell’ attrito della corda, è il segno che questa comincia a pesare più dalla parte che sale allo scalatore. Il rischio è che la corda inizi a scivolare indietro, formando un lasco preoccupante e spesso inavvertito. Per evitare questo inconveniente consigliamo di frazionare il tiro di corda direttamente sul moschettone di qualche ancoraggio tramite un nodo a mezzo barcaiolo. Non utilizzare cordini con nodi autobloccanti (tipo prusik), in caso di volo l’ancoraggio sarebbe sollecitato in modo statico, mentre se si utilizza un mezzo barcaiolo (fattibile anche con una sola mano) si fraziona il tiro ma la sollecitazione sull’ ancoraggio resta quasi nulla.

  11. Quando si passa la corda in una protezione appena messa, fare attenzione ad utilizzare il lato che arriva dalla sosta, prima di entrare nel freno autobloccante.

  12. Nella scalata in solitaria la corda resta fissa ed è lo scalatore che sale lungo essa, quindi non ci sono problemi di attrito e si possono passare i rinvii sugli ancoraggi senza preoccuparsi che siano sfalsati, fuori dalla verticale, lunghi o corti. Questa caratteristica consente di risparmiare sul materiale usando anche un solo moschettone per ogni protezione e permette di realizzare tiri lunghi anche come tutta la corda. In pratica, se si utilizza una corda da 70 metri a volte è possibile concatenare anche due lunghezze a patto che il materiale sia sufficiente.

  13. Al termine del tiro di corda attrezzare un punto di sosta con le stesse caratteristiche di quello sottostante. Mettersi in autosicura, fissare la corda di servizio alla sosta, sganciarsi dal freno autobloccante e girarne il verso, in modo da utilizzarlo come discensore. Scendere lungo lo stesso capo di corda per mezzo del quale si è saliti.

  14. Se il tiro e verticale è possibile smontare degli ancoraggi mentre si scende, altrimenti fare attenzione a non togliere quelli utili per risalire successivamente senza dover fare pendoli esagerati.

  15. Tornati al punto di sosta sottostante mettersi in autosicura e fare un asola sulla corda di servizio. Collegare all’ asola il saccone da recupero e sganciarlo. Se necessario farlo pendolare tramite un cordino sottile lungo almeno una quindicina di metri fino a quando sarà sotto la verticale della sosta superiore. Per questa manovra è possibile utilizzare la corda di servizio, se ne avanza. Non liberare il cordino o l’avanzo della corda di servizio, ma mantenerli legati all’ imbragatura, potrebbe servire per sganciare il saccone da recupero se incastrato. Nel caso la lunghezza di corda sia abbastanza strapiombante e non presenti asperità tali da rischiare di incagliare il saccone da recupero, salire con le jumar, pulire il tiro e, arrivati alla sosta superiore, autoassicurarsi e recuperare il saccone. Se invece c’è la possibilità concreta che il saccone avrà difficoltà a scorrere verso l’alto, occorre armarsi di pazienza e spirito di sacrificio e risalire con il saccone legato all’imbragatura. E’ questa una delle eventualità più devastanti della scalata in solitaria su una bigwall, occorre forza, resistenza alla fatica e grandi capacità autolesioniste. Mentre si risale la corda con il saccone appeso si possono avere visioni mistiche, allucinazioni e più comunemente collassi da sfinimento.

  16. Nell’ eventualità che si abbiano ancora delle forze residue e le motivazioni non siano scemate durante la salita del primo tiro, continuare imperterriti sulla lunghezza di corda successiva.

Annunci

Uno strappo con Twight

Twight

Per ritagliarti i tuo spazio, in un mondo dominato dalla Gravità, devi impegnarti sul serio. Devi essere bravo nella disciplina che ti sei scelto. Là fuori regna la Meritocrazia, e la forza di gravità è la commissione esaminatrice. Inconsistenza, incompetenza, e menzogne: la terra là sotto la fa breve con tutte le cose del genere. Se non ti fermi da te, ci penserà lei a farlo.

Mark Twight, un pazzo scatenato: davvero lontano dall’iconografia classica dell’alpinista top: uno che tentava la Rupal Face sul Nanga Parbat con le cuffie e ascoltando heavy metal e new wave.
Questo brano è il più efficace del suo libro Confessioni di un serial climber e in certi passi dice delle cose davvero crude.

 

Arrampicata e consumismo

images

Lo puoi veder da te che l’arrampicata è già palesemente coinvolta nel naufragio culturale di una società che non si è sviluppata in alcun modo, se non nell’incremento del consumo di beni superflui.
E allora non rimane altro che entrare in contatto con la parte vera di te, l’ultima rimasta non ancora soffocata da miriadi di sovrastrutture sociali e intrinsecamente autentica. Tentare di migliorare attraverso la fatica, l’ultimo atto nobile rimasto: sudare, arcuare, sbuffare e provare dolore e chissenefrega se è tutta una menzogna, se l’arrampicare stesso è un muoversi in equilibrio fra una catena e l’altra. Anch’essa può diventare rivelatrice e catartica se la portata di Te in quel che fai è onesta e totalizzante.

Perché fra uno spit e l’altro tu metti sul piatto il tuo fallimento: senza ammortizzatori, né giustificazioni, senza garanzie, né responsabilità altrui. Ed è per questo che il lavorato ha e avrà sempre un valore ascetico che nessun a vista potrà lontanamente sfiorare: perché tu vai incontro al fallimento, ben consapevole dei tuoi limiti, a carte scoperte e ci vai a testa alta, per combattere. Che non significa necessariamente vincere.
Non ci sono scuse di prese non viste o sequenze corrette non imbroccate, si gioca a carte scoperte, davanti a tutti. Tu sai tutto, il tuo nemico sa tutto: sa dove potresti cadere e dove non riesci neanche a decontrarre un minimo, tanto da dover saltare la rinviata. E in quei dieci minuti e una trentina di prese tutte d’un fiato, col cuore in gola e il culo stretto, tu ti giochi tutto. Ti giochi molto di più che un giro sul tiro o qualunque altra cazzata tu abbia raccontato per smorzare la tensione prima di partire.
Ti giochi l’idea stessa che hai di te.

E magari è una stupidaggine, magari ti complichi solo la vita, magari si, forse è tutto inutile, magari tutto quel che si vuole. Ma dentro, in quel preciso istante in cui stacchi il secondo piede da terra, tu sei fuoco vivo, fiamma che scorre e domina, che fra un’arcuata e un tallonaggio si distende rivelatrice innanzi al dolore. La via non ha più grado né segreti: lei è solo lei e tu sei solo tu.
Tu sei allenato, in condizioni fisiche strepitose e con un vento da nord a sgombrare il campo da ogni umida scusante.
Lei è campo di battaglia e territorio di verità che va al di là dell’idea stessa di sconfitta e di vittoria e la trascende.
Perché è solo la verità l’unica cosa rimasta per cui valga ancora la pena provare ad esser vivi

Una mia rielaborazione da un post di Che grado fai su un tema che mi interessa particolarmente.

Padri e figlie

20171112_120352

12 Novembre, Castelletta, via dello Spigolo Est: prima via di più tiri di Ilaria, mia figlia maggiore.

Sono solo due tiri, ma il doversi portare dietro zaino e scarpe, rimanere appesi in sosta a fare sicura, ripartire in arrampicata da una sosta appesi e non da terra, scendere dal versante opposto, cambiano completamente la percezione. Lei era entusiasta della nuova esperienza, dell’altezza, dei passaggi esposti, del sole in una giornata fresca, del vento e dei colori della roccia e della vegetazione autunnale.

E’ sicuramente ancora presto, ma ogni genitore sa che i figli potranno prendere altre strade e li incoraggerà sempre a farlo, ma è anche vero che trasmetterli qualcosa, vedere crescere in loro i segni della nostra stessa passione, immaginarli che ci superino in una attività che amiamo è una felicità immensa.
…e comunque ormai la strada per la Via Attraverso il Pesce è tutta in discesa

Le classiche

Spigolo Giallo inverno

Ognuno di noi ha la propria lista di arrampicate fatte e degli obiettivi da scalare e le vie che non potremo mai sfiorare continuano a dominare la nostra fervente immaginazione.

Io continuo a prediligere le pareti che si stagliano verticali, voi forse amate prue di arenaria dure come la selce illuminate dal sole in mezzo al bosco, o fili di ghiaccio sottili come una ragnatela che venano i dirupi ad una certa altitudine, o corte pareti a strapiombo con gli appigli segnati di magnesio ai bordi della strada, o interminabili processioni di fessure e spigoli su perfette dorsali di granito alpino. Le classiche sono la realizzazione dei nostri sogni, che siano dieci movimenti perfetti o dieci giorni di sforzo sublime, ognuna incarna una commistione quasi impossibile da descrivere di bellezza, di sfida e di storia. Sono la battaglia interiore fra dubbio, paura e desiderio e sono anche la quiete quando si avvolge la corda alla fine della giornata, condividendo uno sguardo soddisfatto col compagno fidato.

Le classiche ci connettono direttamente alla ricca storia della nostra cultura condivisa, sempre in evoluzione. Ci tornano alla memoria la logica e l’eleganza della “goccia d’acqua” di Emilio Comici con il suo capolavoro sullo Spigolo Giallo a Lavaredo, la costanza e determinazione di Warren Harding con il Nose sul Capitan e tante altre ancora…
Il meglio del meglio, ognuna un capolavoro, un rilevante esempio di una disciplina, una via che chiede di essere scalata.

In altre parole una classica.

Michael Kennedy sul catalogo Patagonia

Il sole di Ottobre

l-autunno-e-i-suoi-colori
Oggi era una classica splendida giornata di Ottobre con la luce nitida, ma un po’ obliqua che c’è solo in questo periodo. Era un richiamo bellissimo a cui non potevo resistere e ho allungato la pausa pranzo di 2 ore, inventando una scusa per il ritardo e inserendo poi due ore di permesso.
Tre ore e mezzo che ho passato all’aperto, a camminare nei boschi vicino a dove lavoro, inebriandomi di quell’aria limpida come una sorgente.
Tornato in ufficio ho lavorato fino alle 19,00 come non mi succedeva da settimane, concentrato e lucido e ho terminato i compiti più impegnativi di questo periodo.
Ho sempre fatto fatica a conciliare i tempi del lavoro, della famiglia e delle incombenze quotidiane con il tempo necessario a vivere la passione per la scalata e per l’aria aperta e a volte mi chiedo se ne valga la pena. Ma poi questi momenti mi fanno continuare a strappare queste fette di vita con determinazione e con sotterfugi…..

Contrasti

Contrasti

C’è il ritmo regolare del cammino, c’è il respiro profondo che riempie i polmoni, c’è il battito del cuore nelle tempie e c’è il sudore dove sei coperto. Ci sono i panorami amplissimi quando ti fermi, ci sono le linee immaginarie delle vie sulle pareti e c’è l’esaltazione quando termina la camminata.

C’è il desiderio quando guardi la parete, c’è l’attesa impaziente all’attacco della via, ci sono i timori sospesi che scompaiono e c’è la fiducia che cresce. C’è il rumore degli attrezzi all’imbrago, ci sono i comandi secchi e chiari e c’è la sensazione mista di sollievo e soddisfazione quando arrivi in sosta.

Ci sono le prospettive vertiginose dei punti esposti, ci sono i profili verticali delle pareti ai lati, c’è l’azzurro intenso del cielo che si staglia sul grigio della roccia e c’è l’odore fresco della neve. C’è la luce che illumina con angoli acuti pareti e prati, c’è l’aria fredda e ferma dove sei in ombra e c’è il sole che quando arriva scalda.

Questo è quello che amo della montagna.

Non amo le partenze di notte, gli zaini che pesano sulle spalle. Non amo l’ansia che il tempo cambi, i sassi che cadono, i fulmini vicini, l’acqua che ti entra nel collo e esce dalle caviglie. Non amo la sete infinita, quando fa caldo e sembra che dalla via non uscirai mai.

Non amo le placche compatte e sprotette, la roccia friabile, gli appigli che ti restano in mano. Non amo la paura di volare, il dubbio di andare fuori via, non amo la corda che non viene nelle doppie, le discese interminabili peggio delle salite.
Non amo la vetta, la fine della via, la pausa in attesa di altre incognite.

Per cui coi primi pensieri mi entusiasmo, ma i secondi sempre mi opprimono di ansia e continuo ad oscillare come un pendolo fra queste emozioni contrastanti.

(libero adattamento da un post di Buzz)