Trovare il facile nel difficile

1936841_1149892799581_3808003_n

Per chi arrampica in montagna, oltre che in falesia, l’altro lato della medaglia rispetto alla ricerca di andare su vie con maggiori difficoltà tecniche che raccontavo in un precedente post è quello di andare su grandi vie classiche, con difficoltà più moderate, ma con sviluppi elevati, scarsa chiodatura, difficoltà di accesso, ritirata e discesa.
Anni fa ad esempio l’obiettivo principale della stagione era la Frisch-Corradini, 700 m di lunghezza sulle Pale di San Martino, V+ di difficoltà massima, uscita sugli ultimi 200 m di IV grado della Castiglioni-Detassis alla Pala del Rifugio.
Spesso mi sono chiesto cos’era che mi continuava ad attirare in questo tipo di vie.

Perchè io sono un’emerita pippa, ma come molti altri con cui arrampico in falesia, sulle difficoltà di una via come la Frisch-Corradini (V+=5b) sui monotiri non mi ci scaldo neanche.
Se volevo e sognavo di andare a percorrere una via come quella era per il piacere di percorrere 700 m dovendomi trovare il percorso con intuito e ricerca della logica e “cercando il facile nel difficile”.
Era per provare continuamente il timore di essere andato fuori via e poi gioire nel trovare un chiodo arrugginito e mezzo nascosto.
Era per sentire la fatica mentale di cercare il modo di proteggermi per metri e metri guardando ogni buco o fessurazione della roccia e arrivare alla fine del tiro soddisfatto per averlo saputo fare.
Io volevo andare su una via senza avere la possibilità di rinviare una fila di spit, e magari temere per tutta la via di non reggere questa pressione e essere preoccupati di essere ribattuti ad ogni tiro.

Per questo quando leggo di qualcuno che dice che gli spit è meglio metterli per la sicurezza, perchè tanto se si vuole in fondo si possono anche non rinviare, beh penso che quel qualcuno non può essere un alpinista perchè non ha capito assolutamente cosa sia l’alpinismo.
L’alpinismo è quello che avviene in quella “zona in mezzo” e non la retorica dolciastra della “conquista delle vette”.