L’odore della frontiera

images

Il gioco più bello dei bambini e “agli indiani”, anche se quelli già addomesticati preferiscono “il dottore” o “il negozio” o “papà e mamma”, e quelli scimuniti si divertono poi con aereo-montaggi o altri giochi istruttivi di quel livello. Ed è molto probabile che poi costoro facciano esplodere tutta la rabbia accumulata e la selvaggia voglia di esperienze e di violenza scaricandosi proprio addosso tutta questa violenza e seppellendosi sotto un mucchio di fiale di eroina. Ma questa è un’altra storia.

Chi ha giocato agli indiani è invece drogato dalla voglia di correre, picchiarsi, catturarsi e scoprire grandi tesori nascosti. Resta sempre nella speranza di scoprire un altro Ovest, ancora più libero e grande di quello che aveva conosciuto da piccolo e, se non lo trova, vagherà tra le sponde del Sangone ed il Valentino come Emilio Salgari, popolando il tutto di thugs, pirati, mandrie di bisonti e saloon pieni di bounty killer, sigari lunghi e neri e barilotti di agua del fuego.

E quando nella vita entriamo per una volta nella terra della libertà, può accadere che non la riconosciamo e non ci dica più nulla, se siamo stati troppo puniti per i liberi sogni al punto di aver sostituirli con grigi incubi popolati di scalate al posto di capufficio, amori proibiti con ragazze copertina e via dicendo nei diedri della vita quotidiana.

Però non tutti sono così condizionati, da non riscuotersi sentendo l’odore della frontiera.

 

Andrea Gobetti “Una frontiera da immaginare”

Annunci

Arrampicata e consumismo

images

Lo puoi veder da te che l’arrampicata è già palesemente coinvolta nel naufragio culturale di una società che non si è sviluppata in alcun modo, se non nell’incremento del consumo di beni superflui.
E allora non rimane altro che entrare in contatto con la parte vera di te, l’ultima rimasta non ancora soffocata da miriadi di sovrastrutture sociali e intrinsecamente autentica. Tentare di migliorare attraverso la fatica, l’ultimo atto nobile rimasto: sudare, arcuare, sbuffare e provare dolore e chissenefrega se è tutta una menzogna, se l’arrampicare stesso è un muoversi in equilibrio fra una catena e l’altra. Anch’essa può diventare rivelatrice e catartica se la portata di Te in quel che fai è onesta e totalizzante.

Perché fra uno spit e l’altro tu metti sul piatto il tuo fallimento: senza ammortizzatori, né giustificazioni, senza garanzie, né responsabilità altrui. Ed è per questo che il lavorato ha e avrà sempre un valore ascetico che nessun a vista potrà lontanamente sfiorare: perché tu vai incontro al fallimento, ben consapevole dei tuoi limiti, a carte scoperte e ci vai a testa alta, per combattere. Che non significa necessariamente vincere.
Non ci sono scuse di prese non viste o sequenze corrette non imbroccate, si gioca a carte scoperte, davanti a tutti. Tu sai tutto, il tuo nemico sa tutto: sa dove potresti cadere e dove non riesci neanche a decontrarre un minimo, tanto da dover saltare la rinviata. E in quei dieci minuti e una trentina di prese tutte d’un fiato, col cuore in gola e il culo stretto, tu ti giochi tutto. Ti giochi molto di più che un giro sul tiro o qualunque altra cazzata tu abbia raccontato per smorzare la tensione prima di partire.
Ti giochi l’idea stessa che hai di te.

E magari è una stupidaggine, magari ti complichi solo la vita, magari si, forse è tutto inutile, magari tutto quel che si vuole. Ma dentro, in quel preciso istante in cui stacchi il secondo piede da terra, tu sei fuoco vivo, fiamma che scorre e domina, che fra un’arcuata e un tallonaggio si distende rivelatrice innanzi al dolore. La via non ha più grado né segreti: lei è solo lei e tu sei solo tu.
Tu sei allenato, in condizioni fisiche strepitose e con un vento da nord a sgombrare il campo da ogni umida scusante.
Lei è campo di battaglia e territorio di verità che va al di là dell’idea stessa di sconfitta e di vittoria e la trascende.
Perché è solo la verità l’unica cosa rimasta per cui valga ancora la pena provare ad esser vivi

Una mia rielaborazione da un post di Che grado fai su un tema che mi interessa particolarmente.

Una gita con l’Alpinismo Giovanile

13

Da quando le bambine sono state abbastanza grandi da poter partecipare, ho cercato di portarle a fare attività nei gruppi di Alpinismo Giovanile del CAI. Ho sempre pensato che fosse il modo migliore per insegnare loro ad andare in montagna e quello che poteva fargliela piacere maggiormente. E infatti abbiamo avuto belle soddisfazioni, maggiori sicuramente che se le avessi portate da sole: il contatto con gli accompagnatori, il loro saperle motivare, la forza del gruppo, sono stati sicuramente elementi essenziali che le hanno portato a fare con grande entusiasmo gite che difficilmente io sarei riuscito a convincerle a fare.
Abbiamo frequentato per diverse stagioni il gruppo eccezionale dell’AG di Feltre, e spero che riusciremo ad andare ancora con loro, ma ora che siamo tornati nelle Marche ovviamente dovevamo unirci a un gruppo più vicino. Così Domenica scorsa, dopo una stagione in cui eravamo stati fermi a causa del trasloco, siamo stati a fare una gita per la prima volta con il gruppo AG della sezione di Macerata.

Siamo andati a dormire a Rocca Calascio, posto molto suggestivo proprio di fronte alla catena del Gran Sasso e il giorno dopo siamo andati a fare il Monte Camicia partendo da Fonte Vetica. Ero molto contento di questa gita, perché non ci ero mai stato e già immaginavo lo splendido panorama dalla cresta verso la famosa parete Nord.
Purtroppo appena arrivati sulla cresta il tempo è peggiorato e abbiamo dovuto cominciare a scendere, con le prime gocce di pioggia che poi nell’ultima parte sono diventate un vero e proprio acquazzone che ci ha bagnato tutti. Arrivati al Rifugio ci si è rifugiati nel locale aperto e poi siamo scesi alle auto.
Io, Emanuela e le bambine ci siamo perciò ritrovati bagnati e un po infreddoliti in auto a cambiarci mentre fuori il tempo peggiorava ancora. Io ho versato del te dal termos e lo abbiamo bevuto a turno. Poi una volta asciutti abbiamo mangiato il pranzo al sacco che avremmo dovuto mangiare in vetta e la cosa strana è che se, anche se la gita era fallita e anche se di fatto sarebbe stato molto più bello godere del pranzo in vetta, sentivo un senso di eccitazione e di comunanza con la mia famiglia all’interno di quell’auto.

E quindi ho capito che la bellezza dell’andare in montagna con loro in una gita dell’Alpinismo Giovanile c’era anche nel godimento di un momento di sollievo da un disagio come quello che avevamo subito: in quelle condizioni anche questi contrattempi prendevano un buon sapore.
In questo caso la montagna e l’uscita erano solo la causa scatenante del piacere di una esperienza in gruppo ed era quella di cui godevamo, e questa non cessava se l’uscita non era andata bene, ma anzi era ancora più forte nel momento in cui ci eravamo riposati e asciugati dopo un momento spiacevole.

Una metafora della vita?

on-the-road

Come tanti altri appassionati di scalata, mi è sempre piaciuto pensare che questa attività si prestasse meglio a essere una metafora della vita, rispetto ad altre attività sportive e non.

Però mi accorgo che gli “effimeri traguardi” si trovano spesso anche nella vita, e che una soddisfazione per un obiettivo a lungo inseguito dura poco perché quell’obiettivo sfuma fra le mani. Però c’è una differenza sostanziale: nella vita, gli obiettivi che mi sono sfuggiti dalle mani dopo tanti inseguimenti, lo hanno fatto per i casi sfortunati mentre gli effimeri traguardi della scalata sono obiettivi che sono stati raggiunti e nessuno ormai li può mettere in discussione, ma è il nostro atteggiamento verso di essi che cambia e la soddisfazione sfuma per diventare desiderio di qualcos’altro.

E’ un inseguimento continuo, qualcosa che ti logora e che ti da forza ed entusiasmo al tempo stesso.
Al contrario gli obiettivi non raggiunti o sfumati della vita danno solo frustrazione e demoralizzazione.

Sensazioni di scalata

Felicità

Dopo diversi mesi in cui sono riuscito ad arrampicare con discreta costanza in falesia, applicando il metodo delle ripetizioni di cui avevo parlato qui, questa settimana inaspettatamente ho chiuso due delle vie su cui avevo fatto qualche giro nelle uscite degli scorsi mesi.

Ovviamente è sempre una soddisfazione raggiungere degli obiettivi, delle “realizzazioni” come si dice in arrampicata, ma più di questo la soddisfazione che ho provato è stata nella sensazione di facilità con cui ho arrampicato su queste due vie su cui nei giri precedenti avevo faticato anche senza riuscire a chiuderle.
Questa sensazione l’ho sentita soprattutto Sabato, quando ho riprovato una via a Sulfuria su cui avevo fatto quattro giri a Novembre scorso e su cui non ero più tornato da allora.
Per questo motivo non ricordavo perfettamente i passaggi della via, eppure già nel primo giro mi sono sentito molto sciolto, anche se mi sono dovuto appendere un paio di volte per ripassare le sequenze. Nel secondo giro poi, sono riuscito a chiudere la via con una facilità che non mi aspettavo.

Mi sembra che questo aspetto e questa sensazione sia più forte in arrampicata che in altri sport. In alcuni non esiste proprio, quelli in cui c’è un avversario, dei compagni di squadra o un terreno di gioco che cambia ogni volta. In altri può esistere qualcosa di analogo: nella corsa, in tante discipline dell’atletica, in tutti gli sport sulla distanza.
Però mi sembra che non ci sia mai un’oggettività così forte come si può trovare nella scalata in cui ci si trova davanti a un ostacolo concreto e solido, ma la difficoltà che si prova è completamente diversa dopo rispetto a prima (e purtroppo a volte è il contrario).
In fondo è questo l’aspetto bello che trovo nell’arrampicata: non il divertimento, perché non c’è quasi mai un vero e proprio divertimento. Quello che invece mi sembra di cercare è la soddisfazione di riuscire a fare bene una cosa su cui prima faticavo o si provavo timore. E’ sentirmi adeguato e all’altezza di una prova su cui precedentemente ero lontano dall’esserlo.

E così godere della effimera sensazione che provo in quei fugaci momenti.

Lavorato negletto

lavorato 1

Sarò provocatorio, su un tema che da sempre mi interessa.

Ho letto recentemente una interessante discussione sul tema della pratica del lavorato in arrampicata, che da sempre è considerata sempre una prestazione di serie B.
Nella discussione mi ha colpito questa interessante opinione

Chi non lavora i tiri in maniera seria e non come va di moda oggi (scalo da 3 giorni e mi lavoro il 6b in 4500 giri, oppure scalo da anni sul 6b a vista e provo gli 8c in 10000 giri) trova giustificazioni varie per la sua codardia pur di non guardare in faccia le realtà di questa disciplina.
Ripetere un tiro duro vuol dire andare incontro ad ansia e paura, vuol dire dover controllare con la mente quel che in genere nell’avvista controlla (in maniera non del tutto corretta) il cuore. Ripetere un tiro duro è come mettersi sui blocchi dei 200 metri, senza pietà: l’improvvisazione sta a zero, solo tecnica, tattica ed allenamento contano. Se non si lavora seriamente un tiro, difficile poi aumentare in maniera sensibile la propria capacità di scalare avvista e difficilmente ci si allontana dal tabù del grado. Parlo per esperienza: io ho sempre preso scuse, edulcorate con discorsi vetero alpinisti dimmerda (“scalare vuol dire arrivare in alto”….) ed ho fatto progressi nella difficoltà così lenti da essere impercettibili. E’ la cosa di cui più mi pento della mia vita scalatoria, quella di non aver avuto il coraggio di andare incontro alla fatica della sconfitta ripetendo un tiro. Ripetere un tiro è sport e la poesia è difficile da ricercare nella fatica: lavorare stanca.

Mi sono trovato assolutamente d’accordo con tutto quello che c’è scritto in questo post, che di fatto ribalta l’opinione comune della maggior parte dei praticanti e anzi andrei anche oltre.

Ritengo che il lavorato sia la vera essenza della scalata, e al contrario penso che l’avvista sia meno importante: addirittura credo che se l’arrampicata fosse solo uno sport, la prestazione a vista sarebbe considerata un virtuosismo un po’ fine a se stesso, poco legata al livello reale di un atleta: un pò come le gare di palleggi nel calcio, o i colpi dietro la schiena dei tennisti. Io credo però che quello che di fatto rende l’opinione comune esattamente contraria è la discendenza dell’arrampicata dall’alpinismo e il fatto che la maggior parte degli arrampicatori scalano in falesia e anche sulle vie lunghe, dove il livello a vista ovviamente conta molto e influisce sulla possibilità di terminare la via se ci sono obbligatori: anche se anche in questo caso può non interessare se si passa a vista o meno, però ovviamente una relazione fra il livello a vista e la possibilità di riuscire esiste.

Questo perché di fatto ci si confronta con il proprio limite in arrampicata, e si cerca di superarlo, solo con la pratica del lavorato, ma al contrario questa pratica è considerata quasi vergognosa e immorale nell’ambiente (soprattutto a livelli medi): io credo che sia per i motivi detti sopra, ma anche per un altro aspetto.  Io penso che la maggior parte degli arrampicatori evitano il lavorato serio, perché non sanno reggere alla pressione mentale provocata dalla paura di fallire. Si può chiaramente fallire anche nell’avvista, ma in quel caso ci sono tante giustificazioni esterne (non vedere una presa, scivolare, una giornata non ottimale e così via) tutte queste giustificazioni non si applicano nel lavorato e quando si continua a fallire nei giri finali di una via lo si fa per propri limiti difficili da negare o mascherare, soprattutto a se stessi, e questo è davvero duro da affrontare e mandar giù. Chi affronta il lavorato si espone senza pietà alla dura esperienza della sconfitta: si devono passare giorni e giorni a sbattere la faccia contro questo muro, prima di arrivare (se ci si arriva e non lo si sa mai prima) alla soddisfazione di una vittoria.

Però la cosa che ho sempre amato moltissimo nel lavorato è il premio di essere riusciti in una piccola magia: quella di aver reso possibile l’impossibile.
Quella sensazione di toccare una presa la prima volta e pensare che non saremo mai in grado di tenerla, o sentire un equilibrio impossibile e pensare che non saremo mai in grado di mettere i piedi e il corpo in quella determinata posizione. E poi invece pian piano, un tentativo dopo l’altro, sentire miglioramenti quasi impercettibili fino ad arrivare al punto di concatenare quei movimenti e farli quasi in automatico, fino a concluderli tutti.

Analisi del 2015

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

La sala concerti del teatro dell’opera di Sydney contiene 2.700 spettatori. Questo blog è stato visitato circa 16.000 volte in 2015. Se fosse un concerto al teatro dell’opera di Sydney, servirebbero circa 6 spettacoli con tutto esaurito per permettere a così tante persone di vederlo.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.